Come abilitare la virtualizzazione su Windows 10

Una delle funzionalità più potenti integrate in Windows 10 è il supporto nativo per la virtualizzazione dell’hardware. Questo avviene tramite una piattaforma di virtualizzazione chiamata Hyper-V. Una volta abilitata la virtualizzazione su Windows 10, si apre la porta alla creazione di una macchina virtuale sul proprio sistema. Questa macchina è completamente separata dal sistema principale. Puoi così impazzire con esso. Se vuoi, installa tutto quello che vuoi su di esso senza preoccuparti di rovinare il sistema principale.

Prima di poterlo fare, però, dovresti abilitare la virtualizzazione hardware su Windows 10.

Requisiti di sistema per la virtualizzazione dell’hardware

  • Windows 10 Pro o Enterprise
  • Processore a 64 bit con  SLAT ( Second Level Address Translation )
  • Almeno 4 GB di RAM di sistema
  • Supporto per la virtualizzazione hardware a livello di BIOS

Controlla il supporto per la virtualizzazione dell’hardware

Prima di tutto, assicurati che il tuo dispositivo supporti la virtualizzazione hardware. Puoi anche verificare che sia abilitato nelle impostazioni del firmware BIOS o UEFI.

  1. Avviare un prompt dei comandi o la finestra di Windows PowerShell.
  2. Immettere il comando indicato di seguito .systeminfo.exe
  3. Attendi qualche secondo (ci vogliono alcuni secondi per raccogliere informazioni sul tuo sistema ma poi ti dà un risultato)
  4. Guarda in Requisiti Hyper-V.
  5. Vedere che Attiva la virtualizzazione nel firmware legge  . (In tal caso, è possibile utilizzare Windows Sandbox.)

In alternativa, puoi anche vedere se la virtualizzazione è abilitata nella scheda Prestazioni del Task manager.

Lo stato di virtualizzazione sarà in modalità abilitata se si controlla nella schermata delle prestazioni della CPU. In caso contrario, dovrai abilitarlo nelle impostazioni BIOS o UEFI.

Abilita la virtualizzazione su Impostazioni BIOS PC

Ogni PC ha una versione diversa della schermata e delle impostazioni del BIOS. Inoltre, i passaggi per abilitare la virtualizzazione dal BIOS dipendono dal produttore del PC. Normalmente, è possibile accedere alle impostazioni del BIOS utilizzando i tasti funzione (F1, F2, F3, F10 o F12) durante l’avvio. Su alcuni PC, è l’ESC o il tasto Canc.

Inoltre, i tasti sono diversi da produttore a produttore e persino tra dispositivi dello stesso produttore. Tuttavia, se non conosci già la chiave corretta per la tua macchina, Google. Quando si avvia il PC, toccare il tasto circa due volte al secondo non appena lo schermo si accende. Un modo più semplice e universale è farlo dalle Impostazioni di Windows 10.

  1. Vai a Impostazioni di Windows 
  2. Fai clic su  Aggiornamento e sicurezza
  3. Ora fai clic su  Ripristino
  4. Fai clic su Riavvia ora in Avvio avanzato.
  5. Vai a Risoluzione dei problemi
  6. Fai clic su  Opzioni avanzate
  7. Ora fai clic su  Impostazioni firmware UEFI
  8. Fai clic su Riavvia .

Questo metodo funziona solo se si utilizza UEFI-boot. E questa è anche un’impostazione che può essere modificata dal BIOS. Se non lo sai, non devi preoccuparti. Tutti i PC Windows vengono forniti con l’avvio UEFI abilitato per impostazione predefinita.

Cercate qualcosa di simile a un avanzato menu o scheda. Molto probabilmente troverai l’impostazione che devi attivare sotto questo. Oltre a tutte le altre cose che possono essere diverse, questa può anche essere etichettata diversamente. Potrebbe essere la modalità avanzata o semplicemente la configurazione come sul mio Lenovo Ideapad.

Infine, cerca l’impostazione con Virtualization come nome e accendila. A volte prende il nome completamente vagamente. Ad esempio, Vanderloop. A seconda del processore e di altri fattori, questi sono i nomi comunemente usati.

  • Tecnologia Intel Virtualization ,
  • AMD-V ,
  • Hyper-V
  • VT-X
  • Vanderpool
  • SVM

Abilita la virtualizzazione Hyper-V in Windows 10

Ora che il supporto di virtualizzazione è abilitato nel BIOS, abilitalo su Windows 10.

  1. Premi il tasto Windows per visualizzare la casella di ricerca.
  2. Digita ” attiva o disattiva le funzionalità di Windows” e fai clic su di esso per aprirlo.
  3. Scorri verso il basso e seleziona la casella accanto a Hyper-V .
  4. Clicca OK .
  5. Windows installerà i file necessari per abilitare la virtualizzazione .
  6. Ti verrà quindi chiesto di riavviare il PC .
  7. Fai clic su Riavvia ora .

Vantaggi della virtualizzazione di Windows

Windows 8 è stata la prima versione di Windows a supportare in modo nativo la virtualizzazione dell’hardware. Di conseguenza, Windows 10 lo supporta anche in modo nativo. Ma da allora la piattaforma ha acquisito molte funzionalità. Ciò include funzionalità come la modalità Sessione avanzata, grafica ad alta fedeltà, reindirizzamento USB, avvio sicuro Linux, ecc.

Con la virtualizzazione di Windows, puoi testare le app all’interno di una macchina virtuale senza compromettere il tuo sistema principale. Ne abbiamo già parlato all’inizio. E il nuovo aggiornamento di Windows 10 di maggio 2019 ha in realtà una funzionalità integrata che ti consente di farlo. Lo chiamano Windows Sandbox.

La virtualizzazione consente anche di installare una shell Linux su Windows . Ad esempio, Ubuntu, Debian, Kali Linux, ecc. Sono disponibili nel Microsoft Store. Quindi non solo puoi utilizzare il potente terminale e i comandi Linux, ma anche la GUI di Linux. Si può persino usare un desktop Linux completo su Windows, anche se non è abbastanza pratico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *